Colle delle Finestre – Strada dell’Assietta

Mappa del percorso

STRADA DEL COLLE DELLE FINESTRE

(SUSA – MEANA – COLLE FINESTRE – DEPOT)
La strada nel tratto del versante valsusino collega Susa, attraverso Meana di Susa al Colle delle Finestre. Ha uno sviluppo di  18,7 km, un dislivello di 1.692 metri con una pendenza media del 9% con un totale di 33 tornanti!
Dal Colletto di Meana (quota 1.452) al Colle (quota 2.178) ancora oggi è sterrata per gli 8 kilometri finali.
Attenzione quando inizia lo sterrato si entra nel Parco delle Alpi Cozie e questo deve costituire un motivo in più per procedere con rispetto e cautela, sempre ponendo la massima attenzione a chi compie la fatica di percorrerla in bicicletta.
La discesa verso Usseaux e la Val Chisono è in parte asfaltata tranne nel tratto di Pian dell’Alpe da cui svoltando a est si raggiunge con il proseguimento della strada il FORTE DI FENESTRELLE e proseguendo a ovest si inizia la STRADA DELL’ASSIETTA.

E’ da sempre terreno  di escursioni motorizzate, essendo peraltro l’ accesso più spettacolare alla Strada dell’Assietta  questa strada è diventata famosa al grande pubblico mondiale del ciclismo (e non) con la tappa del Giro d’Italia 2005. Tappa ripetuta nel 2015 e che prossimamente  vedrà anche il passaggio del Tour, sempre poi con arrivo a Sestrière.
La salita che da Susa conduce al Colle delle Finestre è considerata hors categorie, impegnativa al massimo e nella classifica delle salite d’Europa ha uno dei coefficienti di difficoltà più elevati.

In cima allo spartiacque, si trova il  FORTE DEL COLLE DELLE FINESTRE che domina la Valle sottostante e la strada sino al Colletto  venne edificato al riparo della parete rocciosa che sovrasta il Colle delle Finestre nel Comune di Meana di Sua come opera di appoggio agli altri forti della Piazzaforte di Fenestrelle e dell’Assietta. La sua posizione defilata lo proteggeva completamente alla vista dal lato della Val Chisone e, nel contempo, consentiva ai suoi cannoni a scomparsa di operare.

La Meana-Colle Finestre-Dépot venne realizzata dai Comandi Militari del Regno d’Italia nel 1890 con lo scopo di permettere un rapido spostamento di truppe fra le Valli Chisone e Susa. Il progetto, realizzato nel 1889, fu studiato dal Genio Militare. La difficoltà maggiore fu quella di affrontare il ripido versante che dalle borgate di Meana porta al Colletto, punto obbligato di passaggio.

La strada, classificata come carrareccia, doveva rispondere a caratteristiche ben precise: 3 m di larghezza, pendenza non superiore al 10% e raggio minimo di curvatura di 8 m. Dopo avere sfruttato le strade esistenti nelle varie frazioni di Meana, i tecnici studiarono il percorso migliore per superare gli oltre 700 m di dislivello che separavano la borgata Suffis dal Colletto. Furono ipotizzate varie soluzioni, e alla fine fu scelta quella che prevedeva la costruzione di 24 tornanti in muratura nel breve spazio di 4 km che formano una spettacolare scala in pietra nascosta nel bosco.

La Strada è soggetta ad apertura stagionale nel periodo maggio-novembre.

LA STRADA DELL’ASSIETTA

LA PIU’ LUNGA STRADA DI CRESTA IN ALTA QUOTA DELLE ALPI

E’ la più famosa strada militare delle Alpi Occidentali ed è il percorso militare più alto d’Europa, toccando quota 2.550 presso la Testa dell’Assietta. Presenta lungo il suo tracciato numerose fortezze che risalgono a differenti epoche storiche, e può costituire pertanto un vero e proprio museo a cielo aperto della storia delle fortificazioni di montagna.
Il fondo stradale sterrato è percorribile in moto, in auto, in mountain bike e a piedi.
E’ in gran parte inserita nel Parco delle Alpi Cozie, per cui è raccomandata nel percorrerla una ulteriore e particolare attenzione e rispetto dell’ambiente e dei frequentatori non motorizzati.

La Strada  stata costruita sullo spartiacque delle creste fra Val di Susa e Chisone che fu teatro della omonima storica Battaglia del 19 luglio 1747 nella quale le truppe Sabaude in netta inferiorità numerica (7.500 uomini in parte anche volontari locali contro oltre 20.000 armati, infliggendogli perdite per oltre 5.000 uomini contro 219 fra morti e feriti piemontesi) bloccarono e sconfissero l’invasore francese deciso a conquistare il Piemonte infliggendogli perdite straordinarie, compreso il loro Comandante il Generale Fouquet de Belle-Isle. Questa Battaglia è ricordata ogni anno con una ricostruzione storica e la data è ricorrenza storica del Piemonte.

La strada ottocentesca, più volte rimaneggiata, sino a prima della Seconda Guerra Mondiale,  è il cuore di un sistema di fortificazioni e strade che si sviluppano complessivamente per oltre 100 kilometri scendono sui versanti e si inserisce non in uno scenario panoramico unico che domina le Alpi Occidentali.

Il percorso parte dal Pian dell’Alpe, in territorio di USSEAUX  in Val Chisone – piccolo Comune dipinto fra i più bei Borghi d’Italia –  e raggiunge dopo circa 30 kilometri il Monte Fraiteve in territorio di Sestriere. Si snoda pressoché  interamente al di sopra dei 2.000 m. Passando ai piedi della Cima Ciantiplagna (2.849 m), della Punta Vallette (2.743 m), del Gran Pelà (2.692 m) e della Punta del Gran Serin (2.629 m) arrivando così al Colle dell’Assietta (2.474 m.). Dopo continua un po’ sul versante della Val Chisone e un po’ sul versante della Val di Susa e attraversa nell’ordine i seguenti colli: Colle Lauson, Colle Blegier (2.381 m.), Colle Costa Piana (2.313 m.), Colle Bourget (2.299 m.) ed il Colle Basset (2.424 m.). Passa inoltre sotto i seguenti monti: Testa dell’Assietta (2.566 m.), Testa di Mottas (2.547 m.), Monte Gran Costa (2.615 m), Monte Blegier (2.585 m.), Monte Genevris (2.533 m.), Monte Triplex (2.507 m.) ed il Monte Fraiteve (2.701 m.).

L’asse principale prosegue a est in Val Chisone verso Prà Catinat ed il Forte di Fenestrelle, in Val di Susa a Meana e Susa attraverso il Colle delle Finestre. Il sistema dei Forti del Gran Serin è collegato dalla strada (oggi in parte non praticabile) che scende verso il Frais di Chiomonte. Al suo terminale ovest scende a Sestriere od a Sauze d’Oulx dal Fraiteve, mentre un’altra strada non percorribile (Strada dei Cannoni) la collega dal Col Blegièr in pieno Parco Alpi Cozie con Salbertrand e Sauze d’Oulx.

Il sistema stradale dell’Assietta nella sua forma attuale è infatti frutto  di successivi interventi a partire dalla firma della Triplice Alleanza, siglata nel 1882 tra Austria, Germania e Italia, quando la Francia tornò a essere una nazione nemica e la zona montana dell’altopiano dell’Assietta divenne ancora una volta  un territorio fondamentale difensivo delle frontiere occidentali, non più Sabaude ma italiane. Conseguentemente venne deciso di realizzare la Piazza Militare dell’Assietta.

Negli anni ’30 l’intera rete stradale dell’Assietta fu sottoposta a ristrutturazione: i vecchi forti della Piazza Militare dell’Assietta erano ormai da anni in disuso, ma la rete stradale fu reputata di vitale importanza perché permetteva spostamenti di truppe fra le due valli Chisone e Susa, collegando le varie linee difensive del Vallo Alpino.  A parte il tronco in quota Colle delle Finestre-Gran Serin, definito “inutile e di difficile manutenzione”, e perciò completamente abbandonato, tutte le restanti rotabili rientrarono nel grande progetto di ristrutturazione della rete viaria dell’Assietta inteso a trasformarle in carrellabili di tipo C a doppio transito. La comunicazione fra i forti di Fenestrelle e l’Assietta venne garantita dalla nuova rotabile Bivio Colle delle Finestre-Colle Assietta, costruita negli anni 1937-38. Sempre fra il 1937 e il 1938 fu realizzata la Col Blegier-Sestrière accorpando il primo tratto della strada militare dell’Assietta Col Blegier-Genevris.

Giunti al Fraiteve si può scegliere se scendere agevolmente verso Sestrière lungo la strada principale e quindi arrivare al Colle per scendere verso Cesana Torinese e il Monginevro o ridiscendere la Valle di Susa, oppure attraverso un percorso di varie strade raggiungere l’abitato di Sauze d’Oulx e quindi Oulx, per collegarsi al sistema stradale della Alta Valle Susa, verso Bardonecchia o il Monginevro.

La strada è accessibile in genere nel periodo Giugno – Novembre secondo le condizioni della neve e assoggettata a regolamentazione:

Nei mesi di luglio e agosto è prevista invece la chiusura al traffico motorizzato il mercoledì ed il sabato dalle 9 alle 17, da Pian dell’Alpe al Colle Basset (incrocio con la strada di Sportinia (Km 5). Nei giorni in cui la strada è aperta al traffico motorizzato e comunque in vigore il limite di velocità di 30 Km orari da Sestriere al bivio con Pian dell’Alpe, sono vietati la sosta al di fuori dei parcheggi ed il transito di veicoli con peso superiore ai 35 quintali e larghezza superiore ai 2 metri.

TORNANTI DEL COLLE DELLE FINESTRE

colle delle finestre verso susa

 

 

 

 

 

FORTE DI FENESTRELLE

Forte Fenestrelle

 

 

Mappa del percorso

Informazioni utili

  • Durata: numero di ore
  • Difficoltà: tipo di difficoltà
  • Dislivello: dislivello in metri
  • Lunghezza: lunghezza in chilometri